L’ Eroica

L’Eroica è il famoso circuito Toscano dove si svolge annualmente la gara storica di bici, questa strada è a tratti asfaltata e a tratti sterrata (strada bianca). Direte: “e allora cosa c’entra con le moto”? C’entra e come!!! Perché è percorribile anche in moto e ti permette di attraversare le campagne fra il Chianti e il Senese facendoti scorrere davanti agli occhi panorami mozzafiato.

I motociclisti affamati si sono dati appuntamento per affrontare eroicamente questo percorso adatto a moto da enduro ma anche a naked leggere. Il caso ha voluto che dopo alcuni rinvii, si beccasse la giornata perfetta, non troppo caldo, sole splendente, bella compagnia e nessuno lungo il percorso.

mappa

Si parte alla volta di Gaiole in Chianti e alla prima indicazione ci buttiamo subito sul circuito, giusto il tempo per prendere confidenza con il brecciolino e i km scorrono veloci fra i saliscendi del Chianti. Superata questa zona si entra nel Senese attraversando la famosa zona delle “Crete”. Tanta polvere, le moto lucidate con cura assomigliano sempre di più a cavalli dopo una lunga corsa…fantastico.

img_1100-1

La strada non è impegnativa se affrontata con moto da enduro, mentre lo è con moto stradali: il fondo è duro, sconnesso e mette alla prova gomme da “pista” e ammortizzatori “rigidi”, mentre nel caso delle enduro devo dire che è stato un vero piacere. Per questo giro, ma anche sempre, è consigliabile portarsi un kit antiforatura (che fra l’altro è servito. Un ringraziamento ai componenti più “enduristi” che hanno soccorso un affamato in difficoltà con la gomma forata). Le strade bianche sono alternate da magnifiche curve d’asfalto ed’è proprio questa alternanza che rende piacevole il circuito. Mi raccomando sul percorso rispettate i ciclisti, lo so a volte sono maleducati, ma loro l’Eroica se la fanno tutta in bici, sotto il sole e quando passiamo gli tocca pure respirare anche un bel polverone.

img_1065-1

Dopo diversi km, neanche l’ombra di un ristoro, di conseguenza la fame stava prendendo il sopravvento: male, molto male! I motociclisti affamati prima hanno tentato una breve irruzione in un agriturismo e poi hanno deciso di continuare fino alla “boa”: Montalcino, dove sicuramente avrebbero trovato dell’ottimo cibo e così è stato:  bruschette, formaggi e salumi accompagnati da un paio di assaggi di Brunello di Montalcino ci hanno ricaricato per il rientro.

img_1079-1

Finito il pranzo, fra chiacchiere e impressioni sul circuito, ormai stanchi e felici ci siamo lasciati guidare dal tomtom fino alla base, cioè non proprio una passeggiata, altri 250km ci separavano dal meritato riposo.

La mappa questa volta non è precisa, ma la zona è quella e i km anche, il percorso è ben segnato con le indicazioni “Eroica“, non servono navigatori, basta solo una mappa e un po’ d’occhio agli incroci.

img_1050-1

Please follow and like us:
0