Pranzo alla macelleria Cecchini

Dai tempi della “mucca pazza”, quando uno strano personaggio recitava il funerale della “Bistecca alla Fiorentina”, fino ad oggi, quando negli scorsi giorni mi hanno presentato questo menù davanti: Chianti crudo, Brustico, Costata alla Fiorentina, Bistecca Panzanese, Bistecca alla Fiorentina, sì, avete letto bene e tutte in un giorno, ho sempre avuto un pensiero affamato latente: andare ad assaggiare la carne di questo famoso personaggio, finalmente il momento si è presentato e non ho saputo tirarmi indietro.

funeralefiorentina

Il locale di cui parlo non ha bisogno di pubblicità o presentazioni perché ormai è conosciuto in tutto il mondo e soprattutto fuori dall’Italia. Comunque se vi recate a Panzano in Chianti, non potete mancare l’appuntamento con un pranzo, aperitivo o merenda nella rinomata macelleria Cecchini. Vi consiglio di prenotare almeno tre settimane prima, ma comunque se passate di lì per caso provateci. Qui si parla una sola lingua, la lingua dei carnivori (anche se devo dire che riescono a fare anche dignitosi piatti per vegetariani, accolti con particolare sdegno (simpatico sdegno)).

Si comincia subito dalla macelleria: buongiorno, good morning, bonjour, guten tag…“tho un bicchier di vino lo vòi”, burro di maiale, bruschetta, salumi e già qui si parte bene, capite il perché questa volta il motociclista affamato è dovuto partire in borghese, travestito da normale utente della strada, ma la giornata si prospettava troppo dedita all’alimentazione.

brustico_jpg

Il locale è tipico, griglie in sala, tavoloni, simpatico personale locale, particolarmente attento alla cura del sesso femminile (tipico toscano), ma anche nel farvi scoppiare a suon di vassoi di ciccia bona, nello specifico ben quattro tagli diversi nel mio menù, quindi armatevi di fame e pazienza perché dopo qualche bicchiere di vino gli ordini cominciano a saltare e il tempo si dilata facilmente per voi e per il personale, finendo sopraffatti dalla carne e dal vino. 🙂 Stereotipi toscani al massimo, per noi toscani non è una novità ma gli stranieri fuori avevano la faccia di gente che aveva visto il santo graal della gastronomia.

La carne era ottima soprattutto il Brustico, una parte che non avevo mai assaggiato, ma anche tutte le altre era buonissime. Dopo la carne un po’ di dolci e qualche digestivo locale.

bistecche1

Please follow and like us:
0